Gruppo Ticino del Retriever club Svizzer
Gruppo Ticino del Retriever Club Svizzero

Cercate un cucciolo?

Il Retriever Club Suisse e il Gruppo Ticino dispongono di una lista di allevatori approvati dal RCS le cui cucciolate avranno i pedigree della SCS-SKG (Société Cynologique Suisse).

Ma troverete nei giornali degli annunci per "....Retrievers pura razza senza pedigree". Molto spesso, il futuro acquirente non sa quale differenza ci possa essere tra un cane con pedigree SCS ("con documenti") e un cane "pura razza senza pedigree". Per lui, la differenza più evidente a prima vista è il prezzo!

Non esiste un controllo sui prezzi dei cuccioli Retrievers (di qualunque razza - Golden, Labrador, Flatcoated o altro) - i club affermano (correttamente!) che debba essere una trattativa privata tra l'allevatore e il compratore. La maggior parte degli allevatori vende i loro cuccioli più o meno allo stesso prezzo, ma ci sono sempre delle eccezioni.
A parte il prezzo, allora, ci piacerebbe spiegare perché i cuccioli "con documenti" costano di più dei "pura razza senza documenti", inquanto sovente gli acquirenti d'un cucciolo destinato a essere solo un compagno di famiglia non vedono l'utilità di un pedigree.
E' vero che il pedigree in se stesso è semplicemente una carta nella quale il SCS conferma che i genitori di un cucciolo sono quel tale maschio e tale femmina, che a loro volta i loro genitori sono w, x, y e z. Ma il compratore deve sapere che, per ottenere questo pedigree SCS, l'allevatore ha dovuto sottoporre i suoi cani a diversi controlli, e lui stesso subire un colloquio e controllo delle installazione del suo allevamento. Tutto ciò per assicurare - per quanto possibile, senza scordare che si tratta di animali e non di oggetti - che i cuccioli nati siano soggetti tipici della loro razza sotto tutti gli aspetti.
Le fattrici (femmine che avranno dei cuccioli) e gli stalloni (maschi utilizzati per la riproduzione) devono passare un Test di Attitudini Naturali (TAN) e essere controllati per le condizioni ereditarie seguenti: displasia alle anche, problemi ai gomiti, problemi oftalmici.
Una volta superati tutti questi controlli, e il maschio che ha raggiunto l'età minima di 12 mesi e la femmina 18 mesi, di intravedere di utilizzarli per la riproduzione. L'allevatore deve chiedere l'attribuzione di un affisso d'allevamento presso la SCS, e deve annunciare al RCS tutte le monte della sua cagna nei giorni seguenti l'evento. Prima della prima cucciolata di un allevatore, un rappresentante del RCS passerà da lui per ispezionare le installazioni in previsione della cucciolata - devono essere conformi almeno alle prescrizioni della Associazione Protettrice degli Animali, ma il RCS esige di più: delle possibilità di gioco, una supervisione quasi ininterrotta dell'allevatore, un magazzinaggio conforme degli alimenti ecc. ecc. Una volta nati, la cucciolata sarà' controllata da un rappresentante del RCS per vedere che tutto procede bene, che i piccoli siano ben accuditi sia dalla madre che dall'allevatore, che che la madre riceva pure lei le cure necessarie al suo stato. Se la cucciolata comprende più di otto cuccioli, ci saranno anche due controlli. I piccoli devono essere sverminati più volte, marcati con un microchip o un tatuaggio, e avere ricevuto le prime vaccinazioni contro le malattie dei cani prima che abbiano lasciato l'allevamento - partenza che potrà' avvenire dopo le nove settimane compiute. E' sottinteso che l'allevatore coscienzioso assicura un "servizio dopo vendita" ai suoi clienti, restando a loro disposizione per rispondere alle domande e dare dei consigli, inquanto è in qualche modo moralmente responsabile d'aver messo al mondo dei cuccioli e di averli in seguito venduti.

Purtroppo potrà essere assolutamente diverso con i cani "pura razza senza documenti". La maggior parte di questi allevatori dicono che non debbano avere per forza dei pedigree. L'acquirente dovrebbe informarsi perché i genitori - se hanno dei pedigree - non sono stati presentati al TAN e ai controlli di sanità. Dopo tutto, materialmente parlando, l'allevatore potrebbe esigere dei prezzi più alti per poco sforzo in più (le cure dovrebbero essere le stesse, sia per una cucciolata di Golden della più alta genealogia sia per dei Labrador i cui genitori sono di pura razza ma non selezionati, o anche di piccoli incrociati!). Bisogna anche informarsi delle cure prodigate ai piccoli (vermifughi, vaccini ecc.), e informarsi in quale misura l'allevatore sarà disponibile dopo l'acquisto. Ci sono, bisogna ammetterlo, delle cucciolate "senza documenti" allevati a regola d'arte, da genitori sani e di buona qualità - ma ci sono pure quelli i cui genitori sono stati scartati dal TAN o che hanno problemi di salute. L'acquirente di un cucciolo "pura razza senza documenti" deve allora essere conscio che forse spenderà meno all'inizio, ma che ci saranno buone probabilità che ci siano dei problemi di comportamento con il nuovo cane, che rendono la vita difficile, oppure dei problemi di salute che procureranno perlomeno delle spese veterinarie o peggio la perdita (spesso giovane) del cane.

Più recentemente, ci fu l'arrivo di commercianti di cani: fanno il loro annuncio sui giornali "Retrievers, West Highlands, Collies, Yorkshires, Labradors o altro sempre disponibili, telefonare ......." . Da questi venditori vedrete a volte delle cucciolate intere, spesso di sei o sette settimane e "pronti a partire" , ma non vedrete la madre (che dovrebbe essere coi suoi cuccioli, almeno parzialmente, fino all'età di otto settimane). Vi proporranno dei pedigree che sembrano ufficiali (perché impressionano), ma sappiate che a volte sono dei falsi, con dei dati non corretti. Questi piccoli nascono in fattorie (i produttori vengono chiamati "puppy farmers") - si fa montare la femmina ad ogni calore, si hanno una quantità di cagne di più razze, e a sei settimane i piccoli sono tolti dalla madre (non vaccinati e non sverminati), trasportati a volte a centinaia di chilometri, per finire in un commercio ove il solo scopo è di guadagnare soldi nel modo più veloce possibile.

Avendo preso conoscenza di questi tre tipi di allevamento, non pensate che la spesa di qualche franco in più valga la pena? Non dimenticate che, se tutto va bene (nessuno può prevedere gli incidenti, o la sfortuna - lo ripetiamo si tratta qui di allevamento di animali e non di oggetti che escono da una catena di montaggio) avrete il vostro Retriever per 12, 14 anni o anche più.

 

Attenzione al pedigree

Purtroppo capita spesso che persone inesperte comprano un cucciolo di Retriever, principalmente Labrador o Golden da "allevatori" che consegnano loro un "pedigree fatto in casa" o comunque non valido. Purtroppo questi "allevatori" si fanno pagare anche un prezzo esorbitante per un cucciolo senza pedigree, per cui l'inganno è doppio.

Se dunque comprate un cucciolo con pedigree da un allevatore svizzero, ecco come deve essere:

Evidentemente potete anche comperare un cucciolo in un altro paese, sempre che l'allevatore sia riconosciuto dalla propria Società Cinologica.
Importante: deve comunque sempre figurare lo stemma della FCI Fédération Cynologique Internationale, per esempio:

Dunque attenzione a questo stemma:

Se, all'acquisto, l'allevatore non ha ancora ricevuto dalla Società Cinologica del proprio paese i pedigree dei cuccioli (può capitare), fatevi dare per iscritto che il cucciolo - nome completo, non solo "Fifi" - è in possesso di un pedigree FCI che vi verrà consegnato non appena ricevuto.